Il mio blog


Aumento dell’ottimismo, riduzione dello stress, migliore qualità delle relazioni… Sto parlando dei benefici e del potere della “gratitudine”.

Nel tempo del “cotto e mangiato” e del “mordi e fuggi”, l’esperienza del grazie è tutt’altro che scontata. Perché? Perché la tentazione di confondere la vita con una App è terribilmente seducente. Vivere in consapevolezza e responsabilità richiede presenza che, a sua volta, reclama lo spazio e il tempo per osservare e riconoscere. Per riflettere.

IL DIARIO DELLA GRATITUDINE

La gratitudine può aprire le porte alla felicità. Uno dei modi per farla entrare nella nostra vita è tenere un Diario della Gratitudine, un’esperienza molto interessante di focalizzazione dei nostri pensieri e riconoscimento del nostro sentire.

Come compilare il Diario della Gratitudine

Scegli un quaderno e una penna. È importante che il quaderno ti piaccia e che tu lo possa personalizzare per renderlo speciale. Ed ecco come procedere.

1. Prenditi dieci minuti, prima di andare a dormire, e assicurati di essere in un ambiente tranquillo. Il quaderno e la penna sono accanto a te.
Apri il quaderno e scrivi sul foglio la data di oggi.

2. Trova una posizione comoda, senza incrociare le braccia e le gambe. Chiudi gli occhi e porta la tua attenzione sulle palpebre, in particolare sui piccoli muscoli che circondano gli occhi. Rilassa questi piccoli muscoli, lasciali andare. Senti questo rilassamento propagarsi come un’onda che, lentamente, scende in tutto il tuo corpo.

Inspira profondamente. Trattieni per qualche istante l’aria e poi espira lentamente. Inspira ed espira. Inspira ed espira.

Ad ogni respiro, i muscoli del tuo corpo sono sempre più rilassati, la tua mente è calma e tu ti senti immerso in uno stato di pace e tranquillità.

3. Ripercorri la tua giornata… e lascia emergere il ricordo di un evento per il quale avverti gratitudine.

4. Riapri lentamente gli ocche riporta sul tuo diario il ricordo seguito dai motivi (i “perché”) della tua gratitudine.

5. Rileggi quanto hai scritto e riponi il diario
Ora puoi addormentati nella consapevolezza che il tuo sarà un sonno ristoratore e di trasformazione.

Ricorda le cose semplici della quotidianità, soprattutto quelle che diamo per scontate: l’acqua calda della doccia, un buon piatto di pasta, la voce di tuo figlio, il sorriso di una persona sull’autobus. Guardati intorno, la bellezza ti circonda. Sentire ed esprimere gratitudine è un prezioso nutrimento.

Infine ricorda: le persone grate sono persone felici!

Lascia un commento